EcodiTorino.org - lunedì 17 dicembre 18 - 02:01





Al Piccolo Regio ha vinto il connubio solidarietà-divertimento, grazie a Goda di Sotto

24 / 02 / 2014

Grande successo ieri pomeriggio al Piccolo Regio di Torino per lo spettacolo benefico "Goda di Sotto". Una commedia divertente che ha meritato in più occasioni il caldo applauso del pubblico. Al centro della scena un bar, quello di "Margherita", luogo di pettegolezzi ma anche di speranze. Seduti ai tavoli alcuni personaggi del paesino emiliano Goda di Sotto, uno spaccato del popolo italiano: due pensionati (un maresciallo e un impiegato in banca), un salumiere, due signore avanti con gli anni ma giovani dentro e la barista, Margherita, che combatte la crisi economica e ha un sogno nel cassetto.

Tra discussioni e commenti sul presente e sul passato, che spaziano dal calcio alle donne, dalla politica al cinema, si inseriscono due personaggi prorompenti che invadono letteralmente la scena, attirando l'attenzione dei presenti. Il Sindaco, Vitellozzo, in cerca di voti, tra scandali e mazzette, e un'attrice del grande schermo, in città per le riprese di un film sulle case chiuse.
Mentre il primo, il politico, suscita un senso di fastidio e battute ironiche nei clienti del bar, la seconda, vestita in maniera provocante, fa nascere sentimenti contrastanti tra i cittadini: i maschietti non riescono a toglierle gli occhi di dosso, le due signore si danno alle critiche, mentre Margherita, improvvisamente, s'illumina di speranza; la sua grande passione, infatti, è la recitazione. Ma una cosa è il cinema, ben altro è il teatro...

Antonio Ferrero, regista dello spettacolo, insieme a SEA (Servizio Emergenza Anziani), ha dimostrato come si possa unire l'utile al dilettevole in modo divertente. Il nostro Paese, purtroppo, non ha ancora compreso bene le potenzialità della cultura e del suo infinito "indotto". Rimbomba ancora nella mente quella frase detta da qualcuno, tempo fa: "Con la cultura non si mangia".

Per fortuna non tutti la pensano allo stesso modo e c'è qualcuno che lavora con l'arte e lo spettacolo. Non solo, questi "coraggiosi" hanno capito un risvolto importante. Oltre a regalare emozioni, infatti, si può anche fare del bene agli altri, ai più deboli, a quelle persone che, come gli anziani, non possono contare sul supporto dei familiari e sono abbandonate dallo Stato.

Prima della messa in scena, la rappresentante della SEA ha raccontato brevemente la situazione in cui si trovano alcuni nostri concittadini. L'associazione, attiva sul territorio da 28 anni grazie ai volontari, aiuta le persone sole a gestire le grandi e le piccole "faccende" di tutti i giorni; dall'accompagnamento per terapie e visite alla gestione di alcune pratiche, dall'assistenza domiciliare alla semplice passeggiata fuori casa. A volte la persona anziana ha solo bisogno di un po' di compagnia, due chiacchiere, un giro al giardino sotto casa.

Dai discorsi fatti, prima e dopo la rappresentazione, è stata evidenziata l'importanza del volontariato, ancor più delle donazioni. La SEA ha bisogno di persone desiderose di aiutare gli altri, di persone che vogliano poi tornare a casa con la consapevolezza, la gioia, di aver contribuito a rendere migliore la nostra società. Qui sotto, in "Risorse", trovate il sito internet dell'Associazione.

Il connubio tra teatro e solidarietà, dunque, ha funzionato alla grande. Tutti i posti del Piccolo Regio sono stati occupati e il pubblico si è divertito. L'incasso dello spettacolo aiuterà l'associazione SEA.
Risultato finale: tutti felici e contenti, consapevoli di aver fatto la cosa giusta!

La rappresentante della SEA ha concluso con una bellissima frase:
"Non possiamo aggiungere anni alla nostra vita, ma possiamo aggiungere vita ai nostri anni".

Goda di Sotto

Associazione Area Teatrale di Antonio Ferrero: areateatrale.com
SEA - Servizio Emergenza Anziani: seaitalia.org

Potrebbe interessarti: Teatro a Torino. Programmazione spettacoli.


Pagina aggiornata il

 

*

SPETTACOLI TEATRO

Teatro a Torino: programmazione spettacoli




 



Privacy sul sito
www.ecoditorino.org di Emanuel Silci - email ecoditorino@yahoo.it -