EcodiTorino.org - venerdì 18 aprile 14 - 15:03
 
   | NOTIZIE TORINO | METEO TORINO
  Home | 10 milioni di visite | Chi siamo | APPUNTAMENTI TORINO | TORINO CRONACA | IN PROVINCIA Archivio | Email | Ecoditorino
PASQUA, PASQUETTA
MOSTRE Torino
TEATRO Torino
LAVORO Torino





Cerca nel sito





Iniziative a Torino per il Giorno della Memoria 2011 (19 gennaio-25 aprile)

10 / 01 / 2011 - La Comunità Ebraica di Torino in collaborazione con Onda Teatro e la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, con il sostegno della Compagnia di San Paolo e il patrocinio dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, presenta le principali attività promosse per il Giorno della Memoria 2011; una serie articolata di eventi, al fine di creare un’occasione per riflettere e ricordare la Shoah.

Quest’anno la Comunità Ebraica di Torino sceglie di onorare la memoria di chi fu vittima del nazi fascismo e di chi decise di opporsi al silenzio.
Le storie dei Giusti tra le Nazioni e dei partigiani ebrei ci ricordano le scelte di una minoranza coraggiosa, le cui azioni rappresentano un motivo di speranza.
Il processo di riflessione inizia con l’opera teatrale Io ti racconto, della Compagnia Onda Teatro, che narra della prima strage degli ebrei in Italia, avvenuta nel 1943 nella zona del lago Maggiore, a Baveno. Il 25 gennaio presso il Museo Diffuso si terrà la presentazione dei volumi Il Testimone inascoltato di Yannick Haenel e Il Volontario, di Marco Patricelli, testi che narrano le gesta di non comune eroismo di partigiani polacchi.
Il 26 Gennaio presso la Comunità Ebraica di Torino, si approfondirà l’esperienza della grande figura di Primo Levi in occasione della presentazione del libro Intervista a Primo Levi ex deportato di Anna Bravo e Federico Cereja, con la presenza di Fabio Levi.

Le attività del 27 Gennaio della Comunità Ebraica di Torino saranno incentrate sulle persone, sulla riflessione e il raccoglimento, a partire dall’inaugurazione della mostra Il popolo del silenzio di Antonio Catalano, ore 17.00 in Piazzetta Primo Levi 12, un gruppo unito di 36 sculture - uomini solitari, simbolo di più di 400 italiani insigniti della medaglia di Giusto tra le nazioni, proseguendo in Sinagoga con la recitazione della preghiera del Kaddish, per la Comunità e per il pubblico.
La giornata si concluderà alle ore 21.00, al Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, con la messa in scena dell’operetta Il Gioco delle sorti, libretto di Sandra Reberschak, musica di Gilberto Bosco e regia di Giancarlo Judica Cordiglia. Il racconto della storia da cui trae origine la festa ebraica di Purim riporta lo spettatore al pensiero delle persecuzioni nazi fasciste. Oggi come allora ci ricordiamo che la salvezza e la libertà sono conseguenza del nostro impegno e delle nostre scelte.
L’idea della scelta e della partecipazione viene sottolineata in due importanti momenti celebrativi.
Il 2 febbraio avrà luogo la tavola rotonda I nostri Partigiani Ebrei, che vedrà la partecipazione di Enrico Loewenthal, autore del libro Mani in alto, bitte! - Memorie di Ico, partigiano ebreo, e durante la quale verranno ricordate le eminenti figure di Sergio Piazza e Rinaldo Laudi. In questa occasione la Comunità Ebraica di Torino consegnerà un attestato di benemerenza per l’aiuto prestato agli ebrei durante il periodo delle persecuzioni razziali.
Nel corso della giornata del 2 febbraio, Alberto Cavaglio, Claudio Vercelli e Franco Debenedetti Teglio presenteranno il libro Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia. Diari e lettere 1938-1945 di Mario Avagliano e Marco Palmieri. Nel corso
Al ricordo di due grandi compositori ebrei polacchi è invece dedicata la serata del 16 febbraio, con il concerto INTRECCIculturali, organizzato dal Consolato Onorario di Polonia in Torino, dalla Comunità Ebraica di Torino e dalla Comunità Polacca di Torino con il sostegno del Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano e dell'Assessorato alle Relazioni Internazionali della Città di Torino.

Tullio Levi - Presidente della Comunità Ebraica di Torino
Sarah Kaminski - Consigliere alla Cultura della Comunità Ebraica di Torino

Giorno della memoria 2011
a cura della Comunità Ebraica di Torino
Incontri - Spettacoli - Mostre - Libri

Info
Comunità Ebraica di Torino
p.tta Primo Levi 12, Torino
Tel. (011) 658585/6/7 - 6692387

PROGRAMMA GIORNO DELLA MEMORIA
Dal 19 Gennaio 2011 al 25 Aprile 2011

  • 19 gennaio - ore 20.30
    Teatro Baretti - “Io ti racconto Settembre 1943...una strage dimenticata”
    In collaborazione con la Circoscrizione 8, spettacolo teatrale a cura di Onda Teatro. Testo di Bobo Nigrone, Francesca Guglielmino e Silvia Elena Montagnini, con Francesca Guglielmino e Silvia Elena Montagnini, regia Bobo Nigrone
    Lo spettacolo racconta, nel contesto della storia italiana e internazionale della Seconda Guerra Mondiale, i fatti che, a partire dal settembre 1943, portano alla prima strage degli ebrei in Italia, nella zona del lago Maggiore, a Baveno.
    La dignità umana calpestata, i colori scuri, i tedeschi che “sembrano dei lupi”, il silenzio, l'indicibile, la strage, l'ingiustizia del processo rivelano una storia poco conosciuta, attraverso un linguaggio scarno, poetico, ironico.
    La narrazione, che si rivolge direttamente ai ragazzi, prende avvio dalla poesia “Se questo è un uomo” di Primo Levi e dalla proiezione di immagini storiche, per avvicinarsi gradualmente alla strage avvenuta sul lago Maggiore in cui durante tre terribili giorni, tre famiglie e altri civili persero la vita. L'illusione che giustizia possa essere fatta, ventidue anni dopo, al lunghissimo processo di Osnabruk, si spegne di fronte a una sentenza che prescrive il reato di sterminio.
    I membri delle famiglie, i personaggi che abitano a Baveno, i soldati confusi dall'otto settembre, i tedeschi e i fascisti vengono impersonati dalle attrici che alternano narrazione e teatro d'attore.
    La follia dell'uomo e della sopraffazione nei confronti degli altri uomini, il disprezzo della diversità sono temi che parlano anche della contemporaneità. Assistere a questo spettacolo è per i ragazzi occasione di riflessione su contenuti fondamentali per l'educazione alla cittadinanza e per l'accettazione dell'altro, attraverso l'invito a ricordare, anche in previsione del fatto che con il passare del tempo i testimoni diretti della storia non ci saranno più.
  • 25 gennaio - ore 17.00
    Museo Diffuso: Presentazione libri, “Il Testimone inascoltato” di Yannick Haenel e “Il Volontario”, di Marco Patricelli
    Presentazione e dibattito organizzati dall’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma con la collaborazione del Consolato Onorario di Polonia in Torino. Partecipano gli autori:Yannick Haenel e Marco Patricelli, Carla Tonini dell’Università di Bologna, Sarah Kaminski e Krystyna Jaworska dell'Università di Torino, Marco Brunazzi dell’ Istituto Salvemini. Aderiscono le Biblioteche Civiche di Torino e la Comunità Polacca di Torino.
    “Il Testimone inascoltato", nel libro Yannick Haenel rielabora in forma di romanzo la vita straordinaria di Jan Karski - un messaggero della Resistenza polacca che nell’agosto 1942, rischiando la propria vita, entrò nel ghetto di Varsavia, riuscendo a documentare il piano di sterminio degli ebrei polacchi perpetrato dai nazisti.
    “Il Volontario", di Marco Patricelli racconta la storia del tenente di cavalleria Witold Pilecki che si fece arrestare dalla Gestapo e imprigionare nel campo di concentramento di Auschwitz dal 1940 al 1943, al fine di organizzare una rete di resistenza ed inviare rapporti sulla situazione nel campo. La sua testimonianza è stata il primo documento dai campi arrivato agli Alleati.
  • 26 Gennaio - ore 21.00
    Comunità Ebraica di Torino, Piazzetta Primo Levi 12, Centro Sociale: Presentazione del libro Intervista a Primo Levi ex deportato di Anna Bravo e Federico Cereja, Ed. Einaudi. Presenta Fabio Levi
  • 27 Gennaio
    Comunità Ebraica di Torino, Piazzetta Primo Levi 12
    17.00 - “ Il popolo del silenzio”, installazione di sculture di Antonio Catalano, Casa degli Alfieri
    17.30 - Letture sceniche a cura di Bobo Nigrone
    Piazzetta Primo Levi ospiterà l'istallazione di 36 sculture-contenitori di varie dimensioni e materiali: legno, foglie, semi, oggetti. Custodi silenziosi della memoria dei 36, Lamed Vav, i Giusti che secondo la tradizione ebraica sono presenti in ogni generazione.
    Un gruppo unito di sculture silenziose e solitarie, simbolo di più di 400 italiani insigniti della medaglia di Giusto tra le nazioni.
    I loro corpi, cassette di legno, potranno essere riempiti dai visitatori e dalle scolaresche con oggetti, scritti, bigliettini, libri che svelano le nostre emozioni, sogni e pensieri che riguardano Il Giorno della Memoria.
    Il popolo del silenzio sarà testimone delle parole di Primo Levi sull'uomo, sui sommersi e i salvati.
  • 27 Gennaio - ore 18.00
    Comunità Ebraica di Torino - Sinagoga: Momento di riflessione, preghiera e recitazione del Kaddish per la Comunità e per il pubblico; saranno presenti la scrittrice Lia Levi e la rappresentante dell’associazione Idea Rom, Vesna Vuletic.
  • Dal 27 Gennaio
    Comunità Ebraica di Torino - Centro Sociale
    Mostra del pittore Daniel Schinasi
    Quadri esposti: Il Sacrificio di Isacco, Omaggio ai Martiri dei campi di sterminio, Le Temoin du Ghetto de Versovie, L’Arrotino del Ghetto
    Nato nel 1933 ad Alessandria d'Egitto, vive tra Nizza e la Toscana, alternando frequenti soggiorni in Spagna ed in Israele. Schinasi rappresenta una figura di spicco del neo-futurismo.
    Il movimento e il colore dell'opera schinasiana invita alla scoperta di un autore con una grande traiettoria nel mondo dell'arte, che lo ha portato a inaugurare più di trecento esposizioni in tutto il mondo. Le città di Nizza, Zurigo, Tel Aviv o Pisa, gli hanno commissionato la realizzazione di grandi murali con i quali egli trasmette un umanesimo che va al di là del secolo XXI.
  • 27 Gennaio - ore 21.00
    Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, corso Galileo Ferraris 266: “Il Gioco delle sorti” Opera da camera per soprano, attori e cinque strumenti
    Libretto di Sandra Reberschak, Musica di Gilberto Bosco.
    Attori: Valentina Arru, Ilaria Pardini e Giancarlo Judica Cordiglia.
    Soprano, Karin Selva; Fiarì Ensemble: Luciano Condina, flauto, Massimo Barrera, violoncello, Gianluca Angelillo, pianoforte, Stella Farina, arpa, Riccardo Balbinutti, percussioni, dirige Marilena Solavagione.
    Regia di Giancarlo Judica Cordiglia. Ingresso libero; necessaria la prenotazione (011.650.83.32)
    Saluto delle Autorità, Graziano Melano, Tullio Levi, Dario Disegni
    Interviene Gilberto Bosco
    L'opera vede in scena tre attori che recitano alternandosi alla musica e agli strumenti. Una Donna racconta ad una Bambina la storia da cui trae origine la festa ebraica di Purim; gli altri attori, il Re della Persia e Mardocheo, si aggiungono nel corso dell'azione teatrale apparendo tra scenografie e luci essenziali. Il Soprano, la regina Ester, interviene con momenti melodici e narrativi interagendo con gli attori e commentando la storia della tradizione ebraica insieme alla bambina, mentre la Donna impaziente le chiede di affrettarsi. Devono allontanarsi subito: ci sono pericoli in agguato.
    Oggi come allora ci ricordiamo che la salvezza e la libertà sono conseguenza del nostro impegno e delle nostre scelte.
    L’evento è aperto alla cittadinanza ed è realizzato in collaborazione e col sostegno del Comune di Torino.
  • 28 Gennaio - ore 10.00
    Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, corso Galileo Ferraris 266: “Il Gioco delle sorti”
    Replica per le scuole medie inferiori
  • 2 Febbraio - ore 17.30
    Biblioteca Passerin d'Entreves (Cascina Giaione), via Guido Reni 102, Torino, Presentazione della mostra itinerante “17 Novembre 1938: Lo Stato Italiano emana le leggi razziali”
    Curata da Franco Debenedetti in collaborazione con la Comunità Ebraica di Torino, l’Amicizia Ebraico-Cristiana; allestimento di Cynthia Burzi; ricerche e bibliografia a cura dell’Ufficio Studi Locali delle Biblioteche Civiche Torinesi.
    La cronaca delle leggi razziali, promulgate dal regime fascista nel 1938 su iniziativa autonoma "tutta italiana". Partendo dagli effetti devastanti di queste leggi vengono raccontate le "storie documentate" di alcune famiglie ebraiche.
  • 2 Febbraio - ore 18.00
    Comunità Ebraica di Torino, Centro Sociale: “I nostri Partigiani Ebrei”, Tavola rotonda
    Moderano Brunello Mantelli e Elena Ottolenghi. Interviene Luciana Laudi.
    Alla figura di Sergio Piazza è stato dedicato un libro Mario Piazza, Cronaca di una resistenza. Sergio Piazza (1916 - 1944), recentemente pubblicato dall’Editore Le Chateau. Al medico Rinaldo Laudi è stata dedicata una sessione del convegno “Medici e resistenza nel Piacentino” svoltosi a Piacenza.
    Verrà presentato il libro di Enrico Loewenthal, Mani in alto, bitte! - Memorie di Ico, partigiano ebreo, Zona, 2010. Sarà presente l’autore.
    In apertura di serata la Comunità Ebraica di Torino consegnerà un attestato di benemerenza in memoria di Giovanni e Genoveffa Blengino per l’aiuto prestato agli ebrei durante il periodo delle persecuzioni razziali.
  • 2 Febbraio - ore 18.30
    Libreria Torre di Abele, via Pietro Micca 17, presentazione del libro "Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia. Diari e lettere 1938-1945" Edizioni Einaudi, 2011, di Mario Avagliano e Marco Palmieri
    Presentano: Alberto Cavaglion, Claudio Vercelli e Franco Debenedetti Teglio. Testimonianza di Massimo Foa.
  • 16 febbraio - ore 21.00
    Teatro Vittoria, via Gramsci 4, Torino. INTRECCIculturali, Concerto di musiche di compositori ebrei polacchi
    Józef Wieniawski ( 1837 - 1912) Sonata in si-minore op. 22, Aleksander Tansman (1897-1986) “Visit to Israel, dix feuillets de voyage” suite pour piano, Sonatine transatlantique, Trois préludes en forme de Blues. Al pianoforte la pianista Gaja Kunce di Cracovia.
    Presenta Enrico Fubini, Musicologo.
    Il concerto è organizzato dal Consolato Onorario di Polonia in Torino, dalla Comunità Ebraica di Torino e dalla Comunità Polacca di Torino con il sostegno del Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano e dell'Assessorato alle Relazioni Internazionali della Città di Torino.
  • 25 Aprile
    volume del Libro dei Deportati (in prossimità del) - Comunità, Centro Sociale: Convegno per la presentazione del IV
    Il IV volume, previsto in due tomi (per 1000 pagine circa), conterrà saggi di riflessione complessiva sulla deportazione dall’Italia, tra cui: uno studio sulle “ragioni e modalità di cattura” (Giovanna D’Amico); un testo su “repressione e razionalità economica” (Giovanni Villari); un contributo sulla deportazione degli antifascisti schedati in CPC (G. D’Amico, G. Villari, Brunello Mantelli); un saggio di Liliana Picciotto sulla deportazione ebraica. Ad essi si aggiungeranno alcune rassegne degli studi esistenti: una sui rastrellamenti e le deportazioni dall’Italia occupata (Fiammetta Balestracci); un’altra sulla letteratura in lingua italiana sul tema (Bruno Maida); una terza sulla storiografia internazionale sul sistema concentrazionario nazionalsocialista (Brunello Mantelli). Ci sarà inoltre un’analisi del ruolo della RSI nella deportazione (Nicola Tranfaglia), ed ovviamente un’introduzione problematica.

Altre iniziative:

  • Alessandria: La Comunità Ebraica di Torino - sezione di Alessandria propone, quale elemento di riflessione in occasione della Giornata della Memoria 2011, l’azione teatrale della Compagnia “Coltelleria Einstein” di Alessandria intitolata “Polvere umana”. Si tratta di uno spettacolo di e con Giorgio Boccassi e Donata Boggio Sola liberamente ispirato a “Se questo è un uomo” di Primo Levi e che ha ricevuto la Menzione speciale al Premio Nazionale E.T.I. “Stregagatto” 2004-Sezione giovani.
    Con il patrocinio e la compartecipazione del Comune di Alessandria in coerenza con il programma “La Vita in Pienezza: stare bene con se stessi per stare bene con gli altri” elaborato dall’Assessorato comunale alle Politiche per la Famiglia, l’Educazione e la Solidarietà sociale relativamente all’anno scolastico-sociale 2010/2011
  • Saluzzo: fiaccolata sul percorso 'Tracce del ricordo', Mercoledì 26 gennaio, sera
    Di fronte ad ogni abitazione in cui risiedevano ebrei saluzzesi, arrestati, deportati ad Auschwitz ed uccisi, gli studenti delle scuole leggeranno brani di lettere dei deportati, e frasi da testi di Primo Levi. In collaborazione con l'associazione "Giorgio Biandrata" di Saluzzo e l'Istituto della Resistenza di Cuneo.
  • Saluzzo: Un momento di riflessione nella Sinagoga di via Deportati ebrei, Giovedì 27 gennaio mattina
    Parteciperanno il sindaco Paolo Allemano, il Vescovo di Saluzzo, il Rabbino di Torino (oppure: un rappresentante della Comunità Ebraica). La cerimonia terminerà con una visita al Cimitero israelitico di via Lagnasco, con la lettura dei nomi degli ebrei deportati.
    L’iniziativa è promossa d’intesa con le associazioni combattentistiche A.N.E.D., A.N.E.I. e A.N.P.I

Pagine correlate Torino teatro

Iniziative a Torino per il Giorno della Memoria 2011 (19 gennaio-25 aprile)





Contatti

Per contattare la redazione del sito Ecoditorino scrivere all'indirizzo email ecoditorino@yahoo.it

 

COSA FARE A TORINO?

LOCALI e TEMPO LIBERO

SPORT

INFO UTILI




Sponsor

 


  portale di Emanuel Silci (EDT) pagina pubblicata in 1 secondi
Emanuel Silci - P.Iva. 10553510016
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Emanuel Silci a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email ecoditorino@yahoo.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.