Tassa rifiuti, spunta la TEFA dalla TARI

Chi avesse già ricevuto la documentazione da parte del Comune di Torino si sarà accorto di una novità riguardante le voci dell’imposta sui rifiuti. Oltre al nome TARI ne è apparso uno nuovo: TEFA. Che cos’è?

Intanto una rassicurazione; non si tratta di una tassa in più, ma di una suddivisione.

In pratica, fino al 2020, la TEFA era inclusa nella TARI.
Dal 2021, invece, in seguito all’entrata in vigore del Decreto del MEF (del 01/07/2020) e la Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 5/E (del 18/01/2021), i due tributi saranno pagati separatamente, utilizzando due codici differenti.

La TARI rimane la “Tassa sui Rifiuti“, mentre la TEFA sarà il “Tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente“.

A questa si aggiungeranno, nel caso sia necessario, altre due voci: “TEFN” (relativa agli interessi) e “TEFZ” (relativa alle sanzioni).

L’importo della TEFA dovrebbe essere pari a circa il 5% del totale versato (includendo la TARI ovviamente). Dovrà essere pagato utilizzando sempre il solito Modello F24, nella sezione “IMU e altri tributi locali“.

Per quanto concerne il pagamento delle suddette tasse a Torino ecco qui i codici tributo e altri codici da utilizzare:

  • Sezione: EL (per entrambe)
  • Codice tributo: 3944 (per la TARI)
  • Codice tributo: TEFA (per la TEFA, quindi semplicemente il nome)
  • Codice ente: L219 (che è quello di Torino)

Ricordiamo brevemente le scadenze di questo primo acconto per le utenze domestiche (le altre le trovate nel collegamento qui sotto):

  • 1° rata: 30 aprile 2021
  • 2° rata: 31 maggio 2021
  • 3° rata: 30 giugno 2021

Risorse

Informazioni

  • Assistenza telefonica: 011.01124853
  • Via email: tassarifiuti@comune.torino.it
  • Con Posta Certificata PEC: tributi@cert.comune.torino.it.

Lascia un commento