Asili nido Torino, apertura giardini da metà giugno

Quanti piccoli hanno dovuto interrompere il proprio percorso sociale, educativo a causa dell’emergenza Covid-19. Praticamente tutti quelli da zero a tre anni che i genitori avevano iscritto presso gli asili nido di Torino.

Un duro colpo per papà e/o mamma, improvvisamente rimasti senza assistenza e senza la possibilità di contare su parenti e amici per accudire i bimbi. Soprattutto per coloro che han dovuto, in qualche modo, continuare a lavorare, sia fuori che a casa (in smart working, o come si diceva una volta con il telelavoro).

Ora però, che la situazione sembra essere migliorata e le restrizioni diminuite, si apre una nuova opportunità.

I bambini potranno gradualmente prendere confidenza con maestre e strutture educative, in un contesto piacevole e salutare.

Da metà giugno, infatti, su volere del Comune e grazie ad una delibera, i giardini dei nidi (0-3 anni) saranno accessibili agli iscritti nell’anno 2019-2020, fino al 31 luglio 2020.

Un modo per riprendere le attività all’aperto, sfruttando aree verdi interne e cortili dei 45 nidi presenti a Torino. Insieme a genitori o adulti di riferimento, anche per dare un “lieto fine” al percorso di quei piccoli un po’ più grandi, che frequentavano l’ultimo anno dell’asilo nido.

Lo sblocco degli spazi verdi e delle aree di gioco all’aperto, da parte del Governo, ha reso possibile l’attuabilità di questo progetto.

I famigliari si preoccuperanno di garantire le norme di sicurezza in vigore al momento in caso di incontri con altre persone. L’accesso avverrà in seguito ad una prenotazione e a piccoli gruppi. I turni saranno di circa un’ora e potranno essere presenti anche fratelli e sorelle (fino a 14 anni di età). Possono partecipare ad ogni incontro massimo tre nuclei familiari. Gli spazi interni saranno usufruibili solo per il servizio igienico e i fasciatoi per il cambio.

Un’esperienza educativa di rinascita e di nuova didattica della vicinanza“, ha dichiarato Di Martino, Assessora all’Istruzione, che ha continuato dicendo “Alleggeriremo le famiglie, la cui collaborazione è fondamentale per la realizzazione del progetto, che potranno usufruire di un luogo conosciuto e sicuro per i bambini, ritrovare le educatrici e una dimensione incoraggiante per guardare al futuro“.

Bambini che giocano all’aperto (Photo by Gabe Pierce on Unsplash)

Servizio garantito con qualsiasi situazione meteorologica, tranne ovviamente in caso allerta.

Risorse

Lascia un commento