Fase 2 Coronavirus: si potrà andare in bicicletta?

Tra i tanti cittadini italiani in attesa del discorso di Giuseppe Conte, circa le restrizioni e le concessioni previste per la famosa “Fase due” del Covid-19, il pandemico Coronavirus, vi erano numerosi appassionati delle due ruote.

La domanda, dopo aver ascoltato la conferenza stampa del Capo del Governo, è sorta spontanea:

Si potrà usare la bicicletta dal 4 maggio 2020?

Allora, nel decreto non vengono menzionate le parole “bicicletta”, “bici”, “ciclisti” ecc… ; nessun riferimento specifico.

Tuttavia, possiamo capire qualcosa di più, “per vie traverse”, leggendo il testo del DCPM emanato dal Governo.

Nell’articolo 1, “Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale“, alla lettera “f”, troviamo la seguente indicazione:

è consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività;

Alla lettera successiva, la “g”, si parla di sport a livello agonistico, un comma specifico per il settore professionistico, che nulla ha a che fare con l’attività motoria dei cittadini.

Biciclette presso il Parco della Pellerina

Quindi, cosa si potrà fare con la bicicletta dal 4 maggio?

Chi vuole muoversi in bici lo potrà fare rispettando la distanza di almeno due metri da altre persone. In pratica, si andrà in bicicletta da soli.
L’utilizzo della mascherina è obbligatorio e deve coprire naso e bocca.

Si può andare in bicicletta al di fuori del proprio Comune?
Attenzione, l’attività deve svolgersi all’interno del proprio Comune di residenza, e non in altri Comuni limitrofi. Al massimo si può sconfinare in “frazioni” del proprio Comune.

L’utilizzo della bicicletta potrebbe rappresentare un’ottima alternativa all’uso di auto, moto e mezzi pubblici, ad esempio, per andare al lavoro o fare la spesa.

Dopodiché, Regioni e Comuni potranno chiarire meglio la regolamentazione a livello locale. Un piccolo passo in avanti verso la ripresa delle attività all’aria aperta.

Leggi anche:

Rimane il divieto di spostamento tra una regione e l’altra.

Lascia un commento