Matrimoni Torino: sposarsi a Palazzo Madama, museo o teatro

Pagina aggiornata il 8 Agosto, 2023

2023 – Aggiorniamo il nostro articolo sui diversi luoghi cittadini in cui è possibile sposarsi, con qualche variazione. Nel corso di quattordici anni l’offerta è cambiata molto. Alcune sedi storiche non sono più disponibili mentre ne sono state aggiunte altre di nuove.

Oggi cerchiamo di mettere insieme diversi articoli pubblicati sul nostro portale a partire dal 2009. Il fil rouge che accomuna tutti questi testi è il matrimonio; ma non un matrimonio “normale”. Torino, infatti, da qualche anno offre la possibilità di sposarsi presso luoghi simbolo della città, mete solitamente destinate ai turisti, come Palazzo Madama o il Museo del Risorgimento (ora si potrà celebrare il matrimonio anche presso l’Accademia delle Scienze di Torino, nel Teatro Carignano, a Palazzo Civico).

Purtroppo, alcune sedi, con il passare degli anni sono state escluse; come ad esempio la Mole, il Regio, il Borgo Medievale, gli stadi o sul tram storico. Ad oggi sono rimaste le cinque prima menzionate.

Nel dettaglio:

  • Museo del Risorgimento: massimo 100 persone
  • Teatro Carignano: max 150
  • Palazzo Madama (il numero di persone accolto dipende dalla sala scelta: ad esempio, massimo 150 nel Salone del Senato e 57 nella Sala Quattro Stagioni, 70 nel Giardino del Castello..)
  • Palazzo Civico – Sala Marmi (max 80 persone, 60 sedute)
  • Accademia delle Scienze – Sala dei Mappamondi (99 persone massimo).

Un’iniziativa originale, non c’è dubbio. Speriamo possa continuare, magari arricchendosi di nuovi spazi simbolo del capoluogo piemontese.

Per maggiori informazioni e prenotazioni

Le cerimonie avranno luogo sempre il sabato pomeriggio.

Ufficio dello Stato Civile della Città di Torino
Via della Consolata 23, 10122 Torino
Numeri di telefono 011.01125.016– / 012 / 324 / 488– / 454 / 015.

Email matrimoniaulici@comune.torino.it – (pec stato.civile@cert.comune.torino.it).
Pagina web ufficiale: www.comune.torino.it/matrimoni.

In passato i prezzi erano questi: 2.000 euro per tutti i luoghi, tranne Palazzo Civico (dove costava 800 euro). Per tariffe aggiornate meglio contattare direttamente gli uffici preposti.

Potrebbe interessare: IdeaSposa, la fiera sul matrimonio.

Articoli del passato

Vediamo di seguito le tappe che hanno caratterizzato questo percorso e le informazioni utili per le coppie interessante a questa alternativa.

Sposi

Il 23 luglio del 2009 iniziammo con le prime proposte del Comune fatte ai cittadini che vogliono sposarsi nei luoghi simbolo di Torino. Suggestiva l’idea del matrimonio alla Mole Antonelliana, dove fu celebrata la prima cerimonia il 25 luglio. Così come l’edificio di Palazzo Madama, in piazza Castello, e presso il giardino all’esterno.

Il 13 gennaio 2010 venne il momento del grande palcoscenico, con l’idea, lanciata sempre dall’amministrazione comunale, di sposarsi al Teatro Regio, ancora in piazza Castello. Con la possibilità di programmare il rinfresco al Teatro Carignano. Il primo matrimonio si celebrò a San Valentino, il 14 febbraio 2010. Il costo ammonta (dato 2010) a circa 2000 euro di spese per la celebrazione.

Il 31 agosto del 2010 segnalammo il Borgo Medievale, al Parco del Valentino, come possibile luogo dove organizzare il matrimonio civile, sulle rive del fiume Po, tra la natura e le meraviglie del Giardino Botanico. Fu proposta anche la Rocca come posto, con un massimo di 35 invitati. Costo: circa 2000 euro.

Nel 5 giugno del 2012 parlammo della prima coppia che si sposò su un tram storico richiamando così un’immagine del passato, di fine ‘800, quando i tram, trainati da cavalli, portavano i promessi verso la cerimonia. Un racconto di questo tipo lo possiamo trovare ne “La Carrozza di tutti” di Edmondo De Amicis, pubblicato nel 1899. Oggi, più di 100 anni dopo, torna il “Tranvai nuziale”, le nozze in tram storico.

Gli altri luoghi, che non abbiamo trattato in queste pagine, sono: il Museo del Risorgimento presso piazza Carlo Alberto e il Palazzo Civico Sala Marmi presso le sale di Palazzo di Città.

  • Katia – Quanto costa sposarsi alla mole?
  • EdT per Katia – Salve, abbiamo aggiunto l’informazione nel testo dell’articolo. Buon proseguimento.
  • Ginevra – Si, avete ragione non conta solo in chiesa ma basta che tu e il tuo compagno vi amiate tantissimi auguri.
  • Valeria – Io e Massi ci sposeremo l’anno prossimo e celebrando un rito civile questa notizia ci ha fatto molto piacere… credo che anche chi si sposa in Comune ha diritto ad avere un locale che non sia un semplice Comune… grazie Valeria e Massimiliano.
  • Miky – Si possono avere informazioni per prenotazioni, da chi e dove farle, il costo e via dicendo. Io sarei molto interessata… per il prossimo anno però… grazie mille!
  • Giulia – Dove si trova “Mole Antonelliana”?

Lascia un commento