Coronavirus in Piemonte, casi a Torino. Situazione

Sono molti i piemontesi che negli ultimi giorni, vedendo crescere il numero dei contagiati dal Coronavirus nelle regioni vicine, Lombardia in primis e poi il Veneto, incrociavano le dita sperando che il virus non si diffondesse troppo.

Alla fine è capitato. Il primo caso riguarda un uomo di 40 anni che vive a Torino ma lavora a Cesano Boscone, nel milanese. Risultato positivo al test è stato messo in isolamento insieme alla famiglia, moglie e due figli di 8 e 10 anni, presso l’ospedale per malattie infettive Amedeo di Savoia.

Leggi tutto “Coronavirus in Piemonte, casi a Torino. Situazione”

Incendio Cinema Statuto di Torino: 64 vittime (13 febbraio 1983)

Come ogni anno arriva il periodo in cui ricordare un tragico evento che sconvolse non solo Torino ma anche il resto d’Italia. All’epoca si poteva ancora fumare nei luoghi pubblici, come i cinema; ma non fu una sigaretta a causare la tragedia.

Leggi tutto “Incendio Cinema Statuto di Torino: 64 vittime (13 febbraio 1983)”

Gianni Agnelli, oggi l’anniversario della scomparsa

Gianni Agnelli, 17 anni senza l’Avvocato

24 / 01 / 2020 – E ora sono diciassette, gli anni trascorsi dalla morte dell’Avvocato, Gianni Agnelli. Uno dei torinesi più famosi e ricordati, sia per quanto riguarda la sua passione calcistica legata alla Juventus, sia per la sua guida industriale a capo della Fiat, e sia per il suo stile (di vita, nel vestire e nelle interviste, con le sue, ormai passate alla storia, espressioni verbali, i suoi motti e i soprannomi spesso dati ai calciatori).

Leggi tutto “Gianni Agnelli, oggi l’anniversario della scomparsa”

Cambio ora legale 2020. Quando termina l’orario solare

Durante l’inverno adottiamo l’ora solare. Tuttavia, come molti sapranno, per fine marzo è previsto, invece, il passaggio all’ora legale, con il conseguente slittamento in avanti dell’ora di buio.

Vediamo, qui di seguito, tutte le informazioni per non rimanere un’ora indietro.

Leggi tutto “Cambio ora legale 2020. Quando termina l’orario solare”

Lotteria Italia, estrazione. Biglietti vincenti in Piemonte, elenco completo

Un tempo si diceva “Hai fatto un terno al lotto” per indicare qualcuno che era stato baciato dalla fortuna. Oggi, le tentazioni per vincere tanti soldi puntandone pochi sono ovunque e si presentano sotto molteplici spoglie.

Tuttavia, vi sono alcuni giochi, a livello nazionale, che non perdono mai il proprio fascino. Uno di questi è senza dubbio la Lotteria Italia.

Leggi tutto “Lotteria Italia, estrazione. Biglietti vincenti in Piemonte, elenco completo”

Regina Margherita, Torino, su Netflix. Un caso da Dr. House

Accedi alla piattaforma Netflix, che trasmette film e telefilm tramite internet, scegli la serie tv “Diagnosis” e guardi il primo episodio. Dopo un po’ ti sembra di assistere ad una puntata di Dr. House, tra malattie rare impossibili da capire e diagnosi che nessun dottore riesce a fornire.

Invece no. Si tratta di una storia vera, di un caso medico irrisolto negli Stati Uniti, ma andato a buon fine in Italia, a Torino, presso l’ospedale Regina Margherita.

Leggi tutto “Regina Margherita, Torino, su Netflix. Un caso da Dr. House”

Incendio ThyssenKrupp, ricordo delle sette vittime a Torino

Il sistema antincendio della ThyssenKrupp Acciai Speciali punta su prevenzione e protezione“.

Questa la frase che trovammo sul sito internet ufficiale della Thyssenkrupp, il giorno stesso della tragedia in cui persero la vita sette lavoratori.

Era la notte tra mercoledì 5 e giovedì 6 dicembre 2007.

Leggi tutto “Incendio ThyssenKrupp, ricordo delle sette vittime a Torino”

Neve debole a Torino. Ridimensionate le previsioni

22 / 01 / 2019. Con il trascorrere dei giorni si è ampiamente ridimensionata la previsione sulla neve a Torino.

Per ilMeteo.it nevicherà debolmente a partire dalle 16/17 di domani, mercoledì 23 gennaio, fino a notte; non più di mezzo centimetro, una leggera velatura. Solo nevischio dall’ora di pranzo.

Leggi tutto “Neve debole a Torino. Ridimensionate le previsioni”

Sgombero campo nomadi abusivo a Torino, allontanate decine di persone

06 / 08 / 2014
Dopo l’allontanamento di 25 persone dal campo nomadi abusivo di Lungo Stura Lazio, a Torino (leggi in basso), segnalato dalle autorità lo scorso 17 luglio, il Comune ha ieri divulgato alcune informazioni circa un nuovo sgombero nella stessa area torinese.

In virtù del sequestro nella zona, deciso dalle Autorità giudiziarie, sono state “invitate a lasciare” il campo, con il supporto di Polizia e Carabinieri, altri 20 Rom che vi stazionavano senza autorizzazione.

Come già specificato nell’articolo precedente, questi cittadini non avevano i requisiti per poter essere inclusi in programmi sociali di integrazione e avviamento lavorativo.

Da sottolineare il fatto che le persone allontanate vivevano in una situazione igienica e sanitaria inaccettabile, pericolosa per loro e per la comunità, con il rischio di diffusione malattie. Per completare la bonifica sono stati eliminati anche i rifiuti trovati nell’area.

Due cittadini, con precedenti, sono stati condotti in Questura.

Sale così a 80 il numero delle baracche abusive che nel 2014 sono state rase al suolo. 56, invece, il numero di persone che ha accettato di rispettare le norme previste dal progetto comunale per l’inserimento in società.

Potrebbe interessarti: Case popolari a Torino: stranieri o italiani? Dati ufficiali.

17 / 07 / 2014
Allontanamento di 25 persone dal campo nomadi abusivo di Lungo Stura Lazio
Il Comune ha divulgato quest’oggi un comunicato dove spiega l’allontanamento di 25 cittadini Rom che si trovavano all’interno del campo nomadi di Lungo Stura Lazio.

L’operazione rientra nel progetto di smantellamento dell’area, dove sono stati rimossi 60 su 91 insediamenti abusivi. Le persone fatte evacuare, dalla Polizia municipale e dalle forze dell’ordine, non hanno i requisiti, come altri già sistemati, per poter usufruire del sistema di integrazione sociale. Per partecipare si devono rispettare alcune regole fondamentali e lavorare, in modo da rendersi autonomi a livello economico, a partire dalle spese per la nuova abitazione proposta dall’amministrazione comunale (come il social housing).

I Rom aderenti all’iniziativa sono stati suddivisi in diverse zone di Torino e provincia. Sette famiglie, invece, hanno accettato di ritornare nel proprio Paese, grazie ad un coordinamento con associazioni rumene e alla possibilità di un inserimento lavorativo.

Entro il termine del 2014 dovrebbe essere evacuato l’intero campo nomadi.